Menu

dalla cucina di Morena

http://www.hrosalpina.com/modules/mod_image_show_gk4/cache/gallery-home.slide-invernogk-is-164.pnglink
http://www.hrosalpina.com/modules/mod_image_show_gk4/cache/slide-home.esterno-fiorigk-is-164.jpglink
« »

hotel-vintage

Nel luglio del 1963 Luigi Canalia il padre dell’attuale proprietario, da molti anni impegnato nello stesso settore come cuoco apre al pubblico con la moglie Augusta e le figlie maggiori questa struttura appena realizzata, la gestione diede fin da subito buone soddisfazioni ed il clima famigliare fu l’asse portante e l’attrazione per coloro che scelsero l’Hotel Rosalpina all’insegna del relax.
Solo agli inizi degli anni ’80 ha ceduto come unico gestore il figlio Gabriele che, ristrutturando ed ampliando la struttura ha sempre mantenuto inalterati gli obiettivi dell’attività  e cioè buona cucina, ambiente sincero, cortesia e professionalità.
Dal 1988 ad ora collabora anche la moglie Morena.

Inoltre in calce una poesia scritta da Morena che ripercorre in qualche riga i 50 anni della nostra struttura e di seguito una poesia in rima nel dialetto trentino nella quale si cita nel dettaglio l’evoluzione dell’Hotel Rosalpina.

La poesia di Morena

Questa sera festeggiamo tutti insieme i nostri 50 anni di attività, e condividerlo con voi ci riempie il cuore di grande felicità.
Anni colmi di tanti impegni, preoccupazioni, ma ciò che ci ha tenuti vivi sono sempre state le soddisfazioni.
Nel 63 Luigi e Augusta Canalia iniziarono l’avventura, costruendo il Rosalpina con sacrifici, lavoro e tirando la cintura.
Ai tempi era aperto tutto l’anno e vi trovavano accoglienza, non solo turisti, ma chi a Folgaria era in cerca di esperienza.
Venivan da lontano il medico, il segretario comunale, il veterinario e il direttore postale qui avevano sempre un alloggio con piatti appetitosi e una mensa conviviale.
Un’atmosfera allegra, fresca e gioiosa, e rendeva l’ospitalità ogni giorno festosa.
Nei primi anni 70 le esigenze iniziarono a cambiare, ed emerse la necessità di doversi ampliare.
Tutta la famiglia collaborava alla gestione, i 4 figli con il nonno Fortunato che ne era il testimone.
Angela la primogenita si dedicava alla sala e l’amministrazione, ma ciò che preferiva era la pubblica relazione.
Poi Elena laboriosa timida e riservata, in cucina, con i genitori si sentiva realizzata.
La 3a, Maria Giovanna, era addetta al bar e all’accoglienza, di cui ha tratto un bagaglio di esperienza.
Infine Gabriele della famiglia il più piccino dopo studi e gavetta esterna, si inserì con entusiasmo e volontà nella collaborazione paterna.
Con tanta gioventù le porte erano aperte a tutti, oltre ai clienti, era frequentata da parenti, amici e conoscenti.
Per dar sfogo agli incontri in compagnia allegramente, si ritrovavano ogni sera nella taverna adiacente.
Da prima con il Jukebox si cantava e ballava, ed era così bello che, anche il compaesano partecipava.
Poi i MAIA un complesso locale, rallegrava il divertimento serale.
Si decise infine un impianto stereo con dischi in vinile, fino agli anni ’80 fu il riferimento per tutto il comparto giovanile.
La scelta poi si dovette indirizzare sull’ospitalità turistica, per non rimanere in una realtà così olistica.
Una ad una le figlie si maritaron e scelsero la loro via, e l’albergo passò, a soli 24 anni, nelle mani di Gabriele Canalia.
Nel Luglio dell’ 82 tra le clienti, Morena una ragazza emiliana fece capolino, e il giovane proprietario le strinse l’occhiolino.
Nell’ 88 si sposarono e a loro fu affidata quell’avventura, lei pensava di fare la Signora, ma scoprì che si trattava di una mezza fregatura.
Ora dopo 25 anni eccoci qua tutti insieme Morena, Gabriele, con i nostri 2 figli Mattia e Michele.
Decideranno loro in un prossimo futuro, se proseguire con questo lavoro oggi diventato così duro.
Brindiamo insieme a questa nostra tappa importante, augurando anche a tutti voi amore e un avvenire sfolgorante.

 

Mi ritorni in mente

Ghera na volta nei ani 70/80, quando la voia de divertirse l'era tanta, n'albergo da sta banda del paes, fat su dal Gigioti Canalia nel giro de qualche mes.
Con l'Augusta, la so sposa, i lo gestiva con amor e tenacia, per far creser i quatro fioi: tre putele e en "bocia".
No sol clienti ghe paseva le porte, anca putei a le tre fiole i ghe feva la corte.
Così per tegnirli sott'ocio quando i vegniva al Rosalpina, l'Augusta i li feva star tutti quanti en cosina.
Pian pianel oltre ai pretendenti, s'è tacà anca amizi e parenti.
Se magneva se rideva e l'ora per rientrarmai no la riveva.
Ma quando i a scominzià ad esser in tanti, el Gigioti l'ha pensà en fretta, de spostarli tutti quanti en tavernetta.
L’è così che la storia l’è partia, de la balera pù famosa de Folgaria.
Quando la serate volevi sprigionar l’adrenalina, en passaparola e tutti d’accordo,” stasera ne trovem al Rosalpina”
Ai primi tempi ghera el juke-box za en funziom, con zento lire te metevi la to canzom.
Con i Dik Dik, i Romans, i Camaleonti e tanti altri, i toleva l’occasiom per far do salti.
Drio al banc del bar la Maria Giovanna a laorar, ma a ela ghe piaseva de pù balar, e no la saveva che de scondom, so papà el controleva la situaziom.
L’Elena envezi la preferiva star, en cosina a uciar, sol coi lenti la gà provà ma quanti pei che l’ha pestà.
L’Angela la pù vecia, apena la sentia con na recia, na canzom che ghe piaseva, ela con chiunque la baleva.
Za a quei tempi però no iera propri tant da model, ad esempio a qualcheduni i ghe deva zo vim con l’orel…Tra Bianco Sarti, Rosso Antico e amaro Cora, capiteva a chi non trovava la porta per nar fora, i li porteva a dormir nel pian de sora.
Dopo en poc però el juke-box i la mes en den cantom, perché dei MAYA era vegnu la gran passiom.
Tutti mati i presenti, quando feva i so concerti.
Iera en cinque i componenti de stò complesso, tutti zoveni e con na gran voia de far successo.
Con la voce de l’Attilio, tute le donne le nea in visibilio, quando però con le corde vocali nol ghe la feva, zo do aciughe e la voce la se sistemava.
Claudio Filz al basso, per lu sonar l’era uno spasso, ma spess de schena el se girea, perché de la zent rispet el gavea.
A la chitarra Alfredo Toller da solista, con n’arpeggio che’ l parea en professionista.
Marco Toller envezi all’acompagnamento, el so forte l’era narghe drio al lento.
Ala batteria l’Armando, le bachete el fea volar, e po’ in banda le na a sonar, quando però a la naia i l’ha ciamà, el Valentino lè subentrà.
Pronto e fiero col spazulesc, el le batea sempre en ten flasch.
Puntuale a tute le feste co la so vespeta color celeste.
Fin che el Fernandel le arivà, e a tuti le note el ga insegnà, con qualche luna e na risada el ghe fea tegnir la giusta strada.
Per tanti ani i a sonà, e che bei ricordi i n’à lasà.
Entant quel “bocia” grand lè deventà, anca lu a laorar tute le serate non lè mai mancà.
Quando po’ i Maya en giro i ha scominzia a nar, n’alternativa i ha dovest trovar.
Così la Giovanna e el Gabriele i ha pensà che per risolvere l’inconveniente,
se doeva comprar un’impianto stereo velocemente.
Zentozinquantamili lire a testa per en giradischi, do casse e n’amplificatore, procurà e montà dal Mauro che entant de la Giovanna l’era za el so amor.
Coi dischi de vinile, la musica la se sentia anca en cortile, e sempre pù zent la riciameva, che fin da Roveredo i capiteva.
Ma i pù mati i era i veterani, i ghen combinea mentre i scoltea tuti quei brani.
El Sape ad esempio sempre presente, el fea parte dell’arredamento naturalmente, per no bever dal bicier, el se cavea en stivalet e da li el tracanea con piazer.
Ghera el Poldo novizio de Folgaria, che per inserirse nela nova compagnia, el saltea dala capeliera con grande abilità, ancorà al’ombrela dela Paola Donà.
Anca el Caracristi, el fea i so gesti, a chi ghe domandea el dirigea come el Rossini, aiutà da na carega e 2 grissini.
Po’ ghera el Tiberi del paes l’era en gran dotor, e de tanti l’era anca el confessor, el li ascoltea el li curèa come in un grande abbraccio, ma l’era sottinteso fate quel che dico e non quel che faccio.
Lino Tomasi el conta barzelete dela brigata, con lu la risata l’era assicurata, ogni sera el ghe n’avea na nova, e a contarle da artista el dea la prova.
Pecà che ades lè nà a Cuba a star, en gran vot tra noi amizi da colmar.
No ghè parole per ancor tanti, che i ghe nà combinà da rimeterse ai Santi.
Anca putele ghen vegnia sempre de nove, ma tuti i puntea a conquistar le pù bone, i ghe lancea en sorriso, en sguardo intelligente, e pian pianel i se avizineva con fare indiferente, i le envidea a far en lento, bisbigliando nela recia en complimento, l’era la tecnica per encantarla e riuscir po’ a basarla.
Quanti incontri en tuti quei ani che ghe stà, e quei matrimoni a bon fine s’è combinà.
Dese ani de felicità, risae e baldorie ma ades che nostalgia, pensar a quei ani che è nà via.
Stasera en pochetin gavem provà con stà festa, ricordar e riviver quei tempi che gavè ancora en testa, che no sia la prima de na longa lista, per mantegnir na tradiziom che no s’è mai vista.
Ades vò contà quel che en quei ani al Rosalpina è capità. Ma vist che no ghero ho zercà, de meter ensieme tut quel che i m’a contà.
Ghè de sicur ancor tanti ricordi fissi come i cioi, e quei i laso nel cor de tuti voi.

Contatti

Via Strada Nuova, 8  
38064 Folgaria (TN) ITALY
Tel: +39 0464/721240  
Fax: +39 0464/723703
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
P.IVA 00852620228
C.F. CNLGRL58D16D651K

 

LogoESTATE

folgariahospitality